Bando Artigianato Regione Campania

con Nessun commento

BANDO ARTIGIANATO 2018

Una grande opportunità per le imprese artigiane della Regione Campania che intendono sviluppare nuove tecnologie per la fruizione dei propri servizi:
siti web, programmi informatici, show rooms virtuali, marketing e comunicazione

Obiettivi e finalità del bando
• Promuovere l’artigianato tradizionale, attraverso le produzioni legate alla creatività, all’arte e alle
conoscenze dei territori;
• Promuovere l’artigianato religioso;
• Favorire l’ammodernamento e l’innovazione del Sistema Artigianato, attraverso processi di
digitalizzazione senza snaturare il carattere tipico di creatività e di manualità dell’impresa
artigiana;
• Promuovere la semplificazione ai cittadini e alle famiglie nell’accesso ai servizi forniti dai mestieri
artigiani (mediante utilizzo della rete, di app, di siti web,…);
• Sostenere forme di aggregazione tra imprese artigiane volte alla valorizzazione del territorio e
delle sue eccellenze (innovazione di prodotto e di processo);
• Favorire gli interventi per potenziare l’identificabilità e la tracciabilità delle lavorazioni artigianali al
fine di contrastare la contraffazione.

Soggetti Destinatari
• Micro, Piccole e Medie imprese artigiane (MPMI) annotate nell’apposito registro delle imprese
istituito presso la CIAA al 31-12-2017 ed aventi sede legale ed operativa nel territorio della Regione
Campania;
• Aggregazioni di soggetti sotto forma di Consorzi o società consortili di imprese;
• Reti di Micro, Piccole e Medie imprese artigiane (MPMI), che intendano realizzare un progetto di
rete con almeno due imprese artigiane presenti. In particolare, reti di imprese prive della
personalità giuridica (Rete – Contratto) o reti di imprese dotate di personalità giuridica (Rete –
Soggetto)

Interventi Ammissibili
• Linea A – PROMOZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE IMPRESE ARTIGIANE ARTISTICHE E RELIGIOSE:
interventi mirati all’ammodernamento e alla diversificazione di produzioni tipiche, legate alla
creatività, all’arte e alla conoscenza dei territori.
I soggetti destinatari di tale intervento sono le imprese operanti nel settore dell’artigianato
tradizionale, ed in particolare dell’artigianato artistico (vedi Classificazione Europea delle attività
economiche NACE rev. 2) e le imprese artigiane operanti nel settore dell’artigianato religioso.
Via San Giuseppe n.8 Montesarchio (BN)
P.IVA 01620410629
• Linea B – INNOVAZIONE DELLE IMPRESE ARTIGIANE: interventi finalizzati all’innovazione di
processo, allo sviluppo della competitività delle imprese artigiane attraverso nuovi modelli di
produzione e di business che utilizzino processi di digitalizzazione.
I soggetti destinatari di tale intervento sono le imprese artigiane operanti in tutti i settori non
esclusi ai sensi del regolamento (UE) n. 1407/2013 e annotate nell’apposita sezione speciale del
Registro delle Imprese presso la CCIAA.
• Linea C – SVILUPPO DI NUOVE TECNOLOGIE PER LA FRUIZIONE DEI SERVIZI DELLE IMPRESE
ARTIGIANE: interventi mirati a semplificare l’accesso ai servizi forniti dai mestieri artigiani e a
realizzare attività inerenti l’uso delle nuove tecnologie della comunicazione.
I soggetti destinatari di tale intervento sono le imprese artigiane operanti in tutti i settori non
esclusi ai sensi del regolamento (UE) n. 1407/2013 e annotate nell’apposita sezione speciale del
Registro delle Imprese presso la CCIAA.

Caratteristiche delle agevolazioni
Le agevolazioni sono concesse tra un minimo di 25.000 euro ed un massimo di 200.000 euro a copertura
del 100% dell’investimento, in particolare sarà concesso il 40% dell’investimento ammesso come contributo
in conto capitale, il restante 60% come finanziamento a tasso agevolato assistito da garanzie di natura reale
e/o personale, della durata di 7 anni di cui i primi 12 mesi di preammortamento.
Spese ammissibili
Linee di intervento A e B:
Opere murarie e assimilate, relative alla ristrutturazione, ampliamento e ammodernamento della sede
operativa e all’installazione di impianti, macchinari e attrezzature strettamente necessari allo svolgimento
dell’attività d’impresa;
Beni materiali nuovi di fabbrica (macchinari, attrezzature,…);
Beni immateriali (programmi informatici, servizi per le tecnologie dell’informazione);
Servizi e consulenze specialistiche in misura non superiore al 20% dell’investimento.
Linea di intervento C:
Beni materiali nuovi di fabbrica (macchinari, attrezzature, …);
Beni immateriali (programmi informatici, servizi per le tecnologie dell’informazione);
Servizi e consulenze specialistiche in misura non superiore al 60% dell’investimento.
Termini di presentazione della domanda
La procedura valutativa è a sportello.Le domande possono essere inviate a partire dalle ore 10:00 del
giorno 25/05/2018.

Contattaci adesso per saperne di più!!

Lascia una risposta